In offerta!

Libertaria Volume 1

Molti hanno dell’anarchia una idea assai superficiale, se non del tutto distorta. La propaganda martellante da parte dello Stato, e l’approccio passionale e irrazionale di molti auto-proclamati anarchici, hanno minato alla base l’anarchia come concezione e come pratica. Oggi, in una fase storica di profonda crisi dello Stato territoriale, è tempo di riportare alla luce alcuni scritti che, nonostante il passare del tempo, mantengono una freschezza e una lucidità straordinarie, e che per questo costituiranno forse motivo di disturbo per molti anarchici tradizionalisti e anti-anarchici viscerali.

Libertaria è il più ambizioso progetto antologico mai portato avanti sul tema dell’anarchia. I trecento saggi contenuti in questa collezione di cinque volumi mostrano non solo che la concezione e la pratica anarchica sono attualmente più che mai valide, ma ci offrono anche la possibilità di riflettere sulla crisi e sulla degenerazione di un potere dominante che non ha più ragione di essere.


Come per ogni pubblicazione, vi proponiamo una prevendita anche per il primo volume di Libertaria per le prime copie.
Facciamo questo principalmente per supportare le prime spese vive legate alla produzione del volume. Non riceverete subito il libro, ma approssimativamente nella prima metà di marzo (il tempo di ultimarlo). In cambio, vi proponiamo uno sconto sul prezzo di copertina e una spilla legata al libro!

Partecipare alla prevendita non è solo un modo per avere uno sconto, ma ci aiuta anche a supportare il nostro progetto editoriale e di divulgazione di temi che altrimenti rimarrebbero orfani!

23,90 19,90

COD: GPdB-002 Categoria:

Autore

Gian Piero de Bellis

Milanese di nascita, Gian Piero de Bellis è uno dei più importanti storici e studiosi dell'anarchia. Gestisce il centro di Documentazione e Ricerca "World Wide Wisdom" a Saint-Imier, nel Jura bernese.
Con D Editore ha curato la pubblicazione di "Panarchia".

Indice del primo volume:
Introduzione
Documenti
1 – (1871) La Circolare di Sonvilier
2 – (1872) Il Congresso dell’Internazionale Anti-autoritaria (Saint-Imier)
3 – (1883) Dichiarazione degli anarchici davanti al tribunale correzionale di Lyon
4 – (1898) Manifesto sull’educazione integrale
5 – (1915) Manifesto dell’Internazionale Anarchica contro la guerra
Anarchia
6 – (1884) Charlotte Wilson, Anarchia
7 – (1884) Henry Appleton, Anarchia, vera e falsa
8 – (1890) Fernando Tarrida del Mármol, L’anarchia senza aggettivi
9 – (1891) Errico Malatesta, L’anarchia
10 – (1894) Henry Seymour, Le due concezioni anarchiche
11 – (1894) Elisée Reclus, L’anarchia
12 – (1903) Ricardo Mella, L’anarchia nascente
13 – (1904) Joseph Labadie, Anarchia: che cosa è e che cosa non è
14 – (1905) Pëtr Kropotkin, La concezione anarchica
15 – (1905-1910 circa) Lucy Parsons, I principi dell’anarchia
16 – (1910) Emma Goldman, Anarchia: cosa significa e cosa propone davvero
17 – (1918) A.L. e V. L. Gordin, Il Manifesto della Pan-Anarchia
18 – (1923) E. Armand, L’anarchia
19 – (1929) Alexander Berkman, Sull’anarchia
20 – (1938) Rudolf Rocker, Anarchia: propositi e scopi
21 – (1951) Frank Lloyd Wright, Sull’anarchia
22 – (1969) Diego Abad de Santillán, Appunti per una problematica dell’anarchia
23 – (1972) Paul Goodman, Anarchia come Autonomia
24 – (1986) Sam Dolgoff, Fraintendimenti sull’anarchia
Anarchici
25 – (1892) Benjamin Tucker, Perché sono un anarchico
26 – (1896) Louise Michel, Perché sono una anarchica
27 – (1900) Lev Tolstoj, Che cosa ciascuno dovrebbe fare
28 – (1903) Voltairine de Cleyre, Il processo formativo di una anarchica
29 – (1904) Steven T. Byington, Iniziamo a realizzare l’anarchia, adesso
30 – (1911) Anselmo Lorenzo, Anarchici, Anarchia e Anarchismo
31 – (1911) E. Armand, Essere anarchici
32 – (1920) Sébastien Faure, Gli anarchici
33 – (1928) Sébastien Faure, La sintesi anarchica
34 – (1934) Voline, La sintesi anarchica
35 – (1935) Camillo Berneri, Il cretinismo anarchico
36 – (1937) Emmanuel Mounier, Gli anarchici contro il centralismo e l’autoritarismo
37 – (1943) Isabel Paterson, L’operatore umanitario con la ghigliottina
38 – (1962) Louis Lecoin, Ai nuovi giovani anarchici
39 – (1966) Paul Goodman, Varietà e attualità degli anarchici
40 – (1972) Amedeo Bertolo, Anarchici … e orgogliosi di esserlo
41 – (1985) Bob Black, Gli “anarchici” come ostacolo per l’anarchia
42 – (2000) David Graeber, Sei un anarchico? La risposta potrebbe sorprenderti
Individualismo – Mutualismo – Collettivismo – Comunismo
43 – (1864) Pierre-Joseph Proudhon, Comunismo e Mutualismo
44 – (1871) Mikhail Bakunin, Contro l’individualismo, per il collettivismo
45 – (1886) Benjamin Tucker, Socialismo di stato e Anarchia. Convergenze e divergenze
46 – (1889) Élisée Reclus, Perché siamo anarchici comunisti?
47 – (1891) Rosa Slobodinsky e Voltairine de Cleyre, Dialogo tra una individualista e una comunista
48 – (1892) Voltairine de Cleyre, Uno sguardo al comunismo
49 – (1895) Gustav Landauer, Anarchia – Socialismo
50 – (1900) Ricardo Mella, La libera cooperazione
51 – (1901) Pëtr Kropotkin, Comunismo e Anarchia
52 – (1902) Pëtr Kropotkin, Dall’individualismo alle individualità
53 – (1910) Manuel Devaldès, Sull’individualismo e le libere associazioni
54 – (1914) Max Nettlau, Anarchia: comunista o individualista? Entrambe
55 – (1926) Errico Malatesta, Comunismo e individualismo
56 – (1927) Clarence Lee Swartz, La pratica del mutualismo
57 – (1940) Emma Goldman, Il posto dell’individuo nella società