Panarchia

Panarchia

Per secoli siamo stati abituati a considerare la politica nel suo rapporto con la territorialità. Abbiamo imparato ad adorare, come un idolo, lo Stato-nazione. Ci siamo convinti che fosse naturale, entro un certo spazio, che degli esperti o delle maggioranze decidessero su tutto e che lo decidessero per tutti. Ma all’alba del ventunesimo secolo questo modello non funziona più: viviamo in una società multiculturale, frammentata, solcata da tensioni. Una parte crescente dei rapporti umani ed economici si svolge in una dimensione immateriale. Oggi insomma siamo chiamati a ripensare la nostra idea di organizzazione sociale: ripensare il ruolo dello Stato e, di converso, quello degli individui e delle comunità. Abbiamo bisogno di regole, certo, ma queste regole devono adattarsi alla varietà delle forme di vita che abitano il mondo. È infine giunto il tempo della panarchia?


Disponibile anche in ebook nei seguenti store:

scr2555-proj697-a-kindle-logo-rgb-lg-300x80
a-300x162
kobo_logo
…e in tanti altri siti!

15,90

COD: ESCHATON001 Categoria:

About The Author

Gian Piero de Bellis

Recensioni pubblicate:

L’INDISCRETO
BENVENUTA, PANARCHIA,
di Enrico Pitzianti

Tra i nuovi arrivi nella galassia libertaria c’è una formula che convince perché propone, finalmente, di prescindere davvero dal territorio. Prenderlo per quel che è, suolo calpestabile da genti diverse, non necessariamente coese, potenzialmente inconciliabili per religione, abitudini e idee politiche. La formula è adatta ai tempi – o forse è fortunata per via delle modalità con cui è riemersa dalle scartoffie di un botanico belga. Ed eccoci qui: benvenuta, “panarchia”. La proposta libertaria dove oltre al lasciar fare e lasciar passare, si prova a risolvere (assecondandola) la necessità di prescindere dal suolo su cui le idee circolano.

GLI STATI GENERALI
DUBBI E PANARCHIA
di Enrico Pitzianti Gian Piero de Bellis

Lo spazio che separa le idee politiche dalla loro possibile applicazione risiede nell’interpretazione che si darà di quelle idee – un po’ come un decreto attuativo serve a una legge emanata dal parlamento. Il come colmare questo gap di applicabilità è l’urgenza di qualunque interessato o curioso, si tratta della ricerca di un aggancio con la realtà. Ed è proprio ciò che ho fatto leggendo Panarchia: ne ho immaginato l’applicabilità, la congruenza con le regole vigenti e con l’etica che ne costituisce le fondamenta, così come ho pensato alle possibili criticità e le possibilità di “influenza” che un’idea simile potrebbe avere sul dibattito pubblico contemporaneo.

MEDIUM
PANARCHIA: UN INNESTO CULTURALE
di Giorgio Penna

Il panarchismo è una filosofia politica che enfatizza il diritto di ogni individuo a unirsi e lasciare liberatamente la giurisdizione di qualsiasi governo abbia scelto. É una causa con mille domande da proporre, per riassumere è l’idea che possano coesistere, nello stesso territorio, vari sistemi politici e varie giurisdizioni, principio già esistente in Italia: ad esempio la legge italiana poi la legge sportiva, quella stradale ecc, questo si chiama pluralismo giuridico, quindi non è così assurdo da pensare.

Facebook Comments